Gli animali non hanno i vantaggi di cui godiamo noi; ma ne hanno altri, di cui noi siamo privi.

Ignorano le nostre speranze, ma anche le nostre angosce; sono soggetti alla morte come noi, ma senza conoscerla.

Per lo più si conservano meglio di noi e non fanno un uso altrettanto cattivo delle loro passioni.

tratto da “Lo spirito delle leggi”; libro I, capitolo I; Charles-Louis de Secondat, Conte di Montesquieu

Annunci