atene-assemblea

Quando nascono i tanto vituperati stipendi dei parlamentari? Bisogna fare un salto di 2.500 anni, nell’antica Grecia. Nel VI secolo avanti Cristo ad Atene nasce la democrazia, una nuova forma di governo che si regge essenzialmente su un’assemblea popolare, detta Boulé. Per la prima volta nella storia l’amministrazione della cosa pubblica è affidata a dei  semplici cittadini, non più ad un re o ad un gruppo ristretto di nobili.

La Boulè di Atene però si riuniva più volte al mese, e questo impediva a chi lavorava di parteciparvi con regolarità. A maggior ragione, chi era povero difficilmente avrebbe potuto frequentare l’assemblea. Pericle si rese conto allora di come la Boulé – nata per permettere a tutti cittadini di partecipare all’amministrazione della città – fosse frequentata in maggioranza da benestanti, persone che potevano tranquillamente vivere di rendita e presenziare alle riunioni dell’assemblea senza la preoccupazione di saltare uno o due pasti al giorno. Per questa ragione decide di istituire per i cittadini membri dell’assemblea il misthòs, una paga giornaliera di tre oboli, sufficiente ad acquistare i pasti necessari per una giornata.

Questo provvedimento permise a tutti i cittadini ateniesi (maschi, ovviamente), a prescindere dalla loro estrazione sociale, di partecipare attivamente alla vita politica della città.

Annunci