Tag

, , , , , , , , , ,

KATYN_manifesto def

“Indietro! Tornate indietro! Da questa parte ci sono i tedeschi!” grida con impeto un uomo dall’estremità di un ponte a dei fuggiaschi provenienti dalla direzione opposta, i quali, incuranti del monito, con altrettanta forza gli rispondono: “I russi! Di qua ci sono i russi!“. Il film Katyn (candidato all’Oscar come miglior film straniero nel 2008) inizia con una scena che in pochi attimi descrive alla perfezione l’essenza del dramma abbattutosi sulla Polonia nel settembre del 1939, allo scoppio della seconda guerra mondiale. Dopo il patto di non aggressione tra Germania ed Unione Sovietica siglato in agosto, il Paese si ritrova stritolato fra due colossi, scomparendo dalla carte geografiche nel giro di poche settimane. Nazisti e sovietici se lo spartiscono, dando vita nei relativi territori di occupazione a dure politiche di repressione per soggiogare la popolazione e spegnerne ogni tentativo di ribellione. In questo contesto, durante la primavera del 1940, si consuma uno dei crimini più efferati del regime comunista di Stalin: il massacro nella foresta di Katyn di 22.000 soldati ed ufficiali dell’esercito polacco, con lo scopo di privare la Polonia di ogni possibile difesa e resistenza e dominarla dunque senza difficoltà. Così, con un semplice colpo di pistola alla nuca, vengono brutalmente eliminati migliaia di uomini, i cui corpi vengono gettati in gigantesche fosse comuni, in mezzo ai boschi, lontani da scomodi testimoni.

Al regista polacco Andrzej Wajda, figlio di una delle vittime della strage, va il merito di aver raccontato con fedeltà e pathos una delle pagine più buie e dimenticate della storia dell’ultimo conflitto mondiale, nascosta per decenni da una delle potenze vincitrici, l’Unione Sovietica, che ne ha falsamente attribuito la responsabilità ai tedeschi, ammettendo le proprie colpe solo nel 1990. Il film è il giusto tributo alla memoria storica di un popolo, quello polacco, che più di altri ebbe a soffrire gli orrori della guerra, senza peraltro poter conoscere al suo termine l’agognata libertà, rimanendo privato per lunghissimo tempo del diritto di gridare al mondo la verità sul suo triste destino.

Annunci